Lo stabilimento di Ponte di Piave è orientato alla trasformazione della materia prima, stoccata in rotoli. Le operazioni fondamentali consistono nel taglio dei rotoli e nella loro giunzione, per ridurli alle dimensioni e al formato richiesti.

In base alla commessa, le bobine scelte vengono sezionate per realizzare nastri dell’altezza programmata. I tagli sono eseguiti da macchine flessibili, in grado di operare su bobine di altezze differenti. I rotoli sono, quindi, tagliati in lunghezza e predisposti per la delicata fase di giunzione.

Con speciali mole diamantate, e altri utensili, il granulo abrasivo è asportato in corrispondenza all’area di unione. Analoga operazione viene compiuta sul retro del supporto di carta o tela per favorire un efficace incollaggio. I due lembi vengono accoppiati e pressati.

Gli interventi sono effettuati da macchinari e attrezzature dedicate, programmate da personale esperto; una combinazione che assicura giunzioni dei nastri perfette per resistenza e uniformità. L’elevata meccanizzazione consente una notevole produzione assicurando nel contempo la costante uniformità dei nastri prodotti.

Terminate le operazioni in linea, i prodotti vengono avviati al reparto imballaggio, eseguito mediante impianti automatici, che li inseriscono in scatole a chiusura telescopica.

Logistica1


Back To Top